Casa Privata – Vignale Monferrato Alessandria, 2015

Edilizia residenziale privata – Nuova edificazione
 
 
  • Ascenso-Pagani
 
 

Il progetto ha previsto la realizzazione di una casa mono-familiare, con l’utilizzo delle caratteristiche costruttive e morfologiche della tradizione del costruito del Basso Monferrato, in sostituzione di quello che era un edificio rurale, posto al piede di una balza della collina principale su cui è insediato il nucleo storico di Vignale Monferrato.

Come gli edifici rurali presi a modello, l’edificio presenta uno sviluppo lineare a corpo di fabbrica semplice e si compone su due piani fuori terra, sfruttando la morfologia del terreno, ottimizzando così il rapporto tra scavo ed elevazione.

Il primo livello fuori terra risulta libero e finestrato sui lati rivolti a nord e ovest e parzialmente ad est con affaccio sulla piscina, mentre a sud, separato e contornato da una intercapedine è totalmente interrato.
Questo determina a sud la percezione di un edificio monopiano.
Al primo livello fuori terra trovano collocazione, oltre alla rimessa ed ai locali accessori, tutti senza presenza di persone, uno studio, una camera da letto ed un bagno con disimpegno da cui tramite una scale si accede al piano superiore direttamente nel soggiorno-cucina e da qui alla seconda camera con bagno privato.

Il progetto è stato condotto nella ricerca del contenimento dei fabbisogni energetici e dell’indipendenza del suo approvvigionamento. Grande attenzione è stata posta quindi alle esposizioni, che trovandosi nella balza rivolta a nord, non risultano particolarmente favorevoli; rispondono alla necessità di consentire un irraggiamento solare il più favorevole possibile la leggera rotazione rispetto al sedime originario e lo spostamento verso valle.

Risponde alla stessa problematica la scelta di optare per una copertura le cui falde non sono simmetriche; quella rivolta a sud è più estesa per una maggiore superficie di captazione e per formare uno sporto di gronda che protegga dall’irraggiamento solare la sottostante facciata; l’altra, a nord, è priva di sporto di gronda per non limitarne l’illuminazione naturale delle sottostanti finestre.

Per quanto concerne i materiali le tecniche costruttive si è mantenuta l’attenzione all’uso delle caratteristiche ricorrenti nelle costruzioni Monferrine, riproponendo murature faccia a vista di blocchi segnate da corsi di mattoni paramano, abbinate a porzioni intonacate e tinteggiate con leggera velatura sui toni sabbia.
Il tetto, realizzato con travi lamellari ed assito in legno tinta larice presenta in copertura pannelli fotovoltaici e termo solari a coprirne integralmente la falda sud, mentre il lato nord è coperto con coppi in cotto e lattoneria in rame trattato per accelerarne l’invecchiamento. Ugualmente in legno tinta larice sono i pergolati della zona piscina.